Trentino Alto Adige, itinerario n. 1/2019

Sull’A22, Modena – Brennero, da Rovereto a Vipiteno

                                                                                                                 Itinerario: da Rovereto a Vipiteno, attraverso Trento e Bressanone, in tre tappe:

Località: Rovereto – Trento – Bressanone - Vipiteno

Stagione: tutte le stagioni. Tempo: tre giorni. Lunghezza: Km. 154.

I) Rovereto – Trento, Km 26, circa h. 0,25’

II) Trento - Bressanone, Km 97, circa h. 1.10’ 

III) Bressanone - VipitenoKm 31, circa 0,30’                                                                                                                                                                                                                                          

Tra la Val Lagarina e la Valle dell’Isarco, tra l’Adige e l’Isarco, tra montagne e boschi secolari si snoda questo itinerario del Trentino Alto Adige, una regione incantata dove la natura regna sovrana insieme al suo fascino. Si parte da Rovereto, la “città della quercia”, dominata dal trecentesco Castelbarco, situata quasi al centro della Val Lagarina, attraversata dal fiume Adige. Il lago di Garda dista appena 15 km, in direzione ovest. Poco sopra Rovereto si  trova la diga di san Colombano col suo lago, sovrastato dall'omonimo eremo. Il “bosco della città”, costituisce il "polmone verde" di Rovereto, zona boschiva fornita di sentieri e di percorsi attrezzati per lo sport. Procedendo sull’autostrada Verona – Brennero dopo appena 26 km si giunge a Trento, situata nella valle del fiume Adige, tra bei palazzi e circondata da boschi e splendidi vigneti. La città è bellissima e mantiene un legame molto stretto con le montagne vicine: la Paganella, il monte Calisio, la Marzola, la Vigolana e il Monte Bondone, chiamato anche l'Alpe di Trento, raggiungibile dal centro cittadino attraverso la strada provinciale. Riprendendo l’A22 si arriva a Bressanone, suggestiva città che cattura l’interesse per i suoi angoli caratteristici e le magnifiche piazze incorniciate da splendidi edifici in stile gotico, barocco e rinascimentale. Riprendendo l’autostrada, verso nord, si raggiunge Vipiteno, città che segna un confine nuovo e arioso, situata com’è nella sua vasta conca, attraversata dal fiume Isarco,15 km a sud del passo del Brennero. Una località in cui si apre una dimensione magica, dove sicuramente, la bella stagione è sinonimo di relax e vitalità. Straordinaria si presenta ai visitatori la via Città Nuova con i suoi edifici dai vivaci colori e dalle importanti decorazioni. È dominata dal Monte Cavallo (Rosskopf, 2 176 m), dove si trovano gli impianti di risalita del comprensorio sciistico del paese, raggiungibile in pochi minuti dal centro, da  Cima Gallina (Hühnerspiel, 2 800 m) a Cima di Stilves (2 422 m). Basta poco, insomma, per diventare protagonisti involontari della magica scenografia di sfumature che offrono queste montagne.  

Rovereto

 
Ab. 40.044, roveretani; altezza: m. 204 s.l.m.; Provincia: Trento, mappa  info Turista.: Corso Rosmini, 21 - T.: 0464 430363/ 435528; P.S. H.: Corso Verona, 4 – T.: 0464 403111

 

L’abitato si sviluppò nel medioevo sotto il dominio dei signori di Lizzana e poi dei Castelbarco. Nel XV sec., sotto la dominazione veneta, divenne un’importante piazza militare e commerciale per la lavorazione della seta. Nel 1500 passò agli Asburgo e restò austriaca fino al 1918.

Rovereto è il capoluogo della Comunità della Vallagarina, e il centro principale dell'omonima valle, situata nella zona meridionale della regione, caratterizzata da distese di vigneti e percorsa dal fiume Adige.

 

 

 

Trento

 

 Ab. 118.259, trentini; altezza: m. 194 s.l.m.; Provincia: Trento, mappa  info Turista.: via Bellenzani, 19 - T.: 0461 884169; P.S. H.: Largo Medaglie d’Oro, 9 – T.: 0461 903033

Insediamento popolato sin dalla preistoria, già sviluppato in epoca romana, quando Tridentum diventò un importante centro commerciale e amministrativo. Subì i disastri delle invasioni barbariche per diventare, successivamente, una marca dell’impero carolingio. Nel 1027, Corrado II il Salico le conferì alla Chiesa di Trento il Principato vescovile. Raggiunse il suo massimo splendore nel XVI sec., sotto la dominazione degli Asburgo. Nel 1545 si aprì presso il suo Duomo il Concilio di Trento per frenare l’azione della riforma luterana. A quel periodo, ne seguì un altro di decadenza fino al 1801, quando gli Asburgo, dopo il Trattato di Luneville ebbero il dominio completo sulla regione. Nel 1803 Napoleone soppresse il principato vescovile di Trento. Dopo la sconfitta di Napoleone, il Congresso di Vienna sancì il nuovo aspetto territoriale, attribuendo all’Austria il territorio, fino al 3 novembre del 1918, quando la città accolse le truppe italiane. Solo nel 1919, il Trattato di Saint Germain, sancì l’annessione di Trento e del resto della contea principesca tirolese, a sud del confine alpino, all'Italia. Era fine della prima guerra mondiale.        

La popolazione di Trento si concentra nella città e in numerosi centri sparsi o sobborghi, diversi l'uno dall'altro, che conservano ancora una propria identità sia urbana, sia rurale o montana. La città antica conta circa 80 000 abitanti.

 

Bressanone


Ab. 22.192, brissinesi/ brixner; altezza: m. 559 s.l.m.; Provincia: Bolzano, mappa          info Turista.: viale Ratisbona, 9 - T.: 0472 275252; P.S. H.: via Dante, 51 – T.: 0472 812444

Fondata nel X sec., Bressanone fu capitale politica dell’Alto Adige per un lungo periodo. Nel 1027 il suo Vescovo divenne vassallo dell’Impero e ricevette il potere temporale su un vasto territorio. Prese parte agli scontri tra il papato e l’Impero al tempo delle investiture e dovette fronteggiare l’espansione dei conti del Tirolo e quindi degli Asburgo. Nel 1803 passò all’Austria fino al 1918.

Cittadina suggestiva per i suoi caratteristici e pittoreschi angoli, per la raffinatezza delle sue vie adornate da pregevoli edifici in stile gotico, barocco e rinascimentale, conquista qualunque viaggiatore. Incantevoli sono le aree verdi della cittadina, tra cui i giardini Rapp (Rappanlagen), costruiti dopo l'inondazione disastrosa del 1882. Nella frazione di Millan, si trova la Karlspromenade: una storica passeggiata costruita nel 1903 in memoria dell'imperatore Carlo I d'Austria, che prosegue per il sentiero dei Salmi e lungo altri sentieri, e conduce attraverso alcune scale in località Seeburg, da cui è possibile scendere verso il centro cittadino, passando dall'antico rione di Stufles, uno spettacolo unico tra profumi, colori e sensazioni.

 

Vipiteno

 Ab. 6.980, vipitenesi; altezza: m. 948 s.l.m.; Provincia: Bolzano, mappa info Turista.: www.vipiteno.com - T.: 0472 765325; P.S. H.: via S. Margherita, 24 – T.: 0472 774111

L’antica Vipitenum fu sede di una stazione militare romana, di una zecca e diede inizio allo sfruttamento delle vicine miniere di piombo e argento. Nel XIII sec. cambiò nome in Sterzing e si sviluppò nel commercio. A causa di un incendio che distrusse parte dell’abitato, nel 1400, venne costruito un nuovo nucleo della città in forme tardo gotiche. Nel XVII sec., insieme alle miniere la cittadina iniziò il proprio declino. Oggi deve la sua ricchezza al turismo, al commercio del legname e all’allevamento.

Situata in una piana nell’alta valle dell’Isarco è una pittoresca cittadina alpina che fa parte del circuito de “i borghi più belli d’Italia”. Nel suo comprensorio si trovano importanti impianti sciistici e una delle più lunghe piste di slittino, circa 10 km.